giovedì 13 settembre 2018

Cambio orario 2018, si passa dall'ora legale a quella solare

Di seguito alcune utili informazioni sui due cambi annuali che riguardano il nostro orario, dall'ora solare a quella legale in primavera e, viceversa, dalla legale alla solare in autunno.

Passaggio dall'ora legale all'ora solare (ottobre 2018)


In autunno saremo nuovamente alle prese con un altro cambio orario, questa volta per il passaggio dall'ora legale, che entra in vigore a marzo, all'ora solare. Il fine settimana coinvolto dall'operazione è quello che comprende sabato 27 e domenica 28 ottobre 2018 (mentre nel 2019 sarà tra il 26 e il 27).

La notte tra sabato e domenica dovremo spostare gli orologi di un'ora indietro, quindi alle 03.00 porteremo le lancette alle 02.00.

Come conseguenza dormiremo subito un'ora in più e dal lunedì ci alzeremo un'ora dopo rispetto alle precedenti settimane. Di contro avremo che farà buoi prima la sera.

Cambio ora legale/solare
Notte tra sabato 27 e domenica 28 ottobre 2018:
orario un'ora indietro, dalle 03 alle 02.

PS: computer, smartphone, cellulari ed altri prodotti elettronici, dovrebbero modificare l'ora in modo automatico, a meno che non sia stata modificata l'impostazione relativa.

Passaggio dall'ora solare all'ora legale (marzo 2019)


Sembra trascorra pochissimo tempo, non senza malumori e scompensi fisici (soprattutto per coloro che si alzano presto per andare a lavorare), dal momento in cui si passa dall'ora legale all'ora solare. In realtà, in mezzo, vi sono diverse settimane, circa cinque mesi, dalla fine di ottobre.

Ma quando arriva la primavera (il 21 marzo), con essa giunge un nuovo cambiamento nella nostra vita quotidiana. Infatti, la notte tra sabato 30 e domenica 31 marzo 2019 (nel 2020 sarà tra il 28 e il 29 marzo), dovremo spostare le lancette di tutti i nostri orologi un'ora avanti.

In pratica alle 02.00 di notte modificheremo l'orario fissandolo alle 03.00. Dormiremo un'ora in meno, è vero, ma almeno avremo più tempo per le attività alla luce del sole. Con l'ora legale si guadagnano subito 60 minuti di "giorno", allontanando così il momento del buio.

Ad ogni modo, trascorsi i primi giorni di "sbandamento da bioritmo alterato", tutto tornerà nella normalità, secondo le proprie abitudini. Almeno fino al prossimo autunno (per la precisione la notte tra il 27 e il 28 ottobre 2018) quando saremo nuovamente chiamati al cambiamento d'orario.

Per chi, giustamente, vuole dormire è consigliabile variare l'orario la domenica, ricordandosi comunque dello sfasamento in caso di appuntamenti.

Nessun commento :

Posta un commento